Anticipazioni e curiosità sul nuovo album di Niccolò Lavelli, in arte Calvino

Siamo molto fortunati: tutti gli artisti che suoneranno al Concrete Jungle Fest stanno lavorando ai loro nuovi album e noi, che siamo curiosissimi per natura, ovviamente non riusciamo a far finta di nulla e a non fare domande a riguardo.
Per questo qualche giorno fa abbiamo chiesto ad Orfeo di dirci qualcosa sul suo Ep, Sangue, in uscita ad Ottobre, mentre invece, questa volta, tocca a Calvino dirci qualcosa sul suo nuovo album.

 

L’ultima volta che abbiamo parlato, abbiamo parlato di assenza e di vuoti da riempire, soprattutto in merito al tuo Ep “Occhi Pieni, Occhi Vuoti”. Attualmente stai lavorando al tuo nuovo album, in questi mesi di lavorazione qual è stata la sensazione che hai provato più spesso e che, in particolare, ha inciso sulla sua creazione?
La voglia di dimenticare e insieme di ricordarmi tutto. Nelle canzoni ho cercato di inventarmi delle storie e delle situazioni a partire da qualche ricordo per poi raccontare una storia diversa, cercando un po’ di equivocare i fatti e di vederli sotto una luce diversa, magari togliendo la logica, diciamo che mi sono creato un po’ di allucinazioni da solo.

Spesso le tue canzoni sono accostate alla fotografia (in particolar modo quella di Luca Quagliato) che rapporto hai con quest’ultima?
Con Luca abbiamo capito da subito di dire le stesse cose ma con linguaggi diversi. Io non ho familiarità con il linguaggio della fotografia. Nonostante questo le immagini per me sono fondamentali nella scrittura e abbiamo trovato che gli ambienti e i contesti che ci ispirano sono molto simili.

C’è un filo conduttore in quest’album circa le ispirazioni che ti hanno portato a scrivere i testi e a comporre la musica o ascolteremo tracce molto diverse fra di loro?
Sicuramente la ricerca delle origini, uno sguardo all’indietro, anche al mondo dell’infanzia, ma sempre inventando e cercando di spararla più grossa possibile.

Facciamo finta che dalla stazione di Melzo partano treni velocissimi e che riescano ad arrivare ovunque (o quasi) nel mondo. Dove andresti e perché?
Mi piacerebbe andare in mezzo al mare, un treno in mezzo al mare sarebbe un bello spettacolo.

Annunci